Go Beyond

Angel Duran

Ogni individuo è sia il risultato delle richieste che la società ha, sia un compromesso con chi vuole essere e come gli piace apparire. La performance del personaggio va abbastanza bene finché sai che non sei identico al modo in cui appari.

Carl Gurstav Jung, 1957

Angel Duran

Un’esplosione di energia e pura maestria nella presenza scenica

Angel Duran, coreografo, performer e ballerino spagnolo freelance con un’esperienza ricchissima. Si diploma alla SEAD, Salzburg Experimental Academy of Dance, e si laurea in Art and Design all’Universitat Autònoma de Barcelona. Dal 2018 sta sviluppando il suo proprio lavoro che è iniziato con la creazione di The Beauty of It, che ha vinto l’International Solo Tanz Theater a Stoccarda. 

Ha lavorato con diverse compagnie in Germania, Repubblica Cieca, Ungeheria e Belgio. Dal 2017 lavora con Anton Lachky Company (Brussels) e lavora con Milla Koistinen (Berlin).

 

 

Un lavoro laboratoriale incentrato sulla preparazione del corpo come strumento di pratica, sull’aspetto performativo e sulla presenza scenica. 

Per uno sguardo più ravvicinato al suo lavoro:

Link Sito web:  angel-duran.com

 

 

Video su Angel Duran:

 

La compagnia

La storia di seesaw

Seesaw Project nasce da un incontro, nel 2017, sulle rive del Garda.

Siamo una compagnia che si muove tra danza contemporanea, teatro fisico e musica.

Abbiamo fatto dell’unione un paradigma: ricerchiamo e perpetuiamo lo scambio tra artisti e pubblico attraverso diversi linguaggi.

La compagnia è un sistema aperto che riunisce artisti provenienti da vari campi artistici. Il cuore è composto da sette professionisti, ma si espande e modifica il suo ritmo a seconda del progetto.

Ricerchiamo un’unione tra gesto, messaggio, danza, parole e musica affinché si congiungano in un potente unicum.

Seesaw significa altalena, un gioco semplice che racchiude la nostra identità. Proprio come un’altalena, oscilliamo perennemente, mettendoci in discussione, ma siamo anche stabilmente legati a valori forti come la reciprocità, la profondità, la passione per la ricerca e l’autoironia.