“DOWN”

30 GIUGNO - h. 20:15 - Rocca di Riva

“DOWN” – spettacolo e dibattito

DOMENICA 30 GIUGNO – h. 20:15  – Rocca di Riva


 

Down [le sue paure]


La storia narra della paura di una madre di mettere al mondo una figlia con la sindrome di down, e del
coraggio di una figlia di affrontare le paure a cui la vita la sottopone.
Down non è solo una storia di paura e coraggio ma è anche una storia d’amore, fatta di pazienza e di ascolto
dove la bellezza giace nelle carezze e nei silenzi.
Lo spettatore si troverà dentro le mura di una casa, forse di molte case, dove al suo interno si celano le nostre
fragilità e vederle, forse, ci può aiutare a trovare il coraggio di prendersene cura, senza giudizi e rifiuto
alcuno.

Produzione: Collettivo Clochart Aps – Con il contributo di: Regione Autonoma Trentino Alto Adige- Provincia Autonoma di Trento-Comune di Rovereto-Fondazione Caritro-Associazione ATTI.


Regia e drammaturgia: Michele Comite
Coreografie: Hillary Anghileri
Interpreti: Giorgia Benassi – Viviana Pacchin – Michele Comite
Scenografia: Anna Ucosich, Rita Casarini, Gigi Giovanazzi, Sergio Debertolis
Tecnica: TeatroDanza

PER INFORMAZIONI:

Giuseppe Claudio

tel. +39 333 572 4631

Veronica

tel. +39 388 947 5178


La Compagnia

La storia di seesaw

Seesaw Project nasce da un incontro, nel 2017, sulle rive del Garda.

Siamo una compagnia che si muove tra danza contemporanea, teatro fisico e musica.

Abbiamo fatto dell’unione un paradigma: ricerchiamo e perpetuiamo lo scambio tra artisti e pubblico attraverso diversi linguaggi.

La compagnia è un sistema aperto che riunisce artisti provenienti da vari campi artistici. Il cuore è composto da sette professionisti, ma si espande e modifica il suo ritmo a seconda del progetto.

Ricerchiamo un’unione tra gesto, messaggio, danza, parole e musica affinché si congiungano in un potente unicum.

Seesaw significa altalena, un gioco semplice che racchiude la nostra identità. Proprio come un’altalena, oscilliamo perennemente, mettendoci in discussione, ma siamo anche stabilmente legati a valori forti come la reciprocità, la profondità, la passione per la ricerca e l’autoironia.